Sicurezza

Migliori kit di sorveglianza per una casa smart

sistema sicurezza

La sicurezza della propria abitazione dovrebbe essere una priorità in ogni famiglia e i kit di sorveglianza sono senz’altro una buona soluzione.

Impedire l’ingresso di malintenzionati nell’ambiente domestico infatti, è una necessità estremamente sentita dagli abitanti: le case isolate infatti, sono sempre più oggetto di attenzioni poco piacevoli sebbene anche i condomini siano da diverso tempo oggetto di furti.

Al di là dei danni materiali e morali, il furto in casa è uno dei reati più odiosi. Il motivo? In questo caso infatti, il proprietario si sente attaccato nel proprio intimo e soprattutto indifeso, visto che raramente i responsabili vengono arrestati.

Per sopperire a questa esigenza di sicurezza dunque, sul mercato sono disponibili un gran numero di kit per la sorveglianza più o meno efficienti. In questo articolo andremo ad esaminare quelli più avanzati, in grado di integrarsi perfettamente nell’ecosistema di una casa smart.

kit videosorveglianza

Kit di sorveglianza: come scegliere quello più adatto

Quando si parla di kit per la sorveglianza, di quale prodotto stiamo parlando? Solitamente si tratta di un set di telecamere abbinato a un hub attraverso cui poterle gestire.

Se questa definizione può delineare un prodotto identico a un vecchio sistema di videosorveglianza, in realtà non è così. Grazie alle nuove tecnologie infatti, questo tipo di prodotto si propone come estremamente avanzato, in grado di permettere un’interazione molto profonda.

Di seguito, andremo ad analizzare quali sono i principali parametri da tenere in considerazione prima di acquistare un kit di sorveglianza per la propria abitazione.

Per quanto riguarda i kit antifurto, da non confondere con i dispositivi protagonisti di questo articolo, consigliamo invece di dare un’occhiata a questo articolo.

Le telecamere

Le videocamere siano una priorità assoluta quando si parla di sistemi di sicurezza. In tal senso, la prima caratteristica che analizzeremo è il tipo di installazione. Esistono due tipi (più una “bonus”) di filosofie:

  • L’installazione a visione locale, che prevede l’invio delle immagini direttamente su un computer o un qualunque altro monitor presente in casa. La connessione avviene tramite filo. Solitamente questa soluzione è ideale per case con giardino particolarmente grandi
  • Quella a visione mobile, che permette di avere le immagini in tempo reale sul proprio smartphone/PC anche a distanza di chilometri. Ovviamente, in questo caso è necessario dotare il kit e/o le telecamere di un sistema che possa gestire il flusso dei dati da remoto (3G o WiFi).
  • Infine esiste un terzo metodo che, più che altro, risulta un escamotage piuttosto semplice. Stiamo parlando di telecamere finte posizionate in punti strategici. In alcuni casi infatti, la sola presenza di questi dispositivi può scoraggiare eventuali malintenzionati.

Come è dunque facile intuire, un’altra scelta più generica riguardo le telecamere è se adottare un sistema con o senza filo. Una connessione cablata, e dunque dotata di cavi fisici, solitamente è più affidabile ma comporta anche una serie di problemi per quanto concerne l’installazione.

D’altra parte, chi vive in zone con particolari disturbi elettromagnetici, potrebbe avere difficoltà sostanziali anche con una connessione di tipo wireless.

telecamera di sicurezza

Tipo di telecamera e zoom

Ovviamente il tipo di connessione è solo una caratteristica tra le tante. Per individuare il kit di sorveglianza più adatto alla propria abitazione, è infatti necessario analizzare con grande attenzione il tipo di telecamere di cui questo è dotato.

Sotto questo punto di vista, rispetto ai vecchi modelli analogici, è bene scegliere quelle IP. Optando per questa soluzione più moderna infatti, è possibile gestire il flusso dati con un cavo Ethernet o con una linea WiFi. Nel primo caso invece, le immagini vengono inviate a una sorta di registratore di vecchia concezione.

In alcuni casi, può risultare utile adottare kit dotati di microfono integrato. In questo modo è possibile, oltre che vedere, anche ascoltare tutto ciò che accade in casa o comunque davanti al suo ingresso.

Risoluzione

Come qualunque altro tipo di telecamera, anche quelle incluse nei kit di sorveglianza presentano, di modello in modello, diverse risoluzioni. In tal senso, si spazia dalle ormai superate risoluzioni da 640 x 480 pixel fino alle ultra avanzate da 2560 x 2048 pixel.

Se nel primo caso si tratta di immagini di pessima qualità, nell’ultimo si va decisamente ad esagerare, con una risoluzione talmente accurata da essere sprecata per questo contesto. In tal senso, trovare una via di mezzo può essere la scelta migliore, sia per questioni di prezzo per per l’eventuale invio di dati attraverso reti wireless.

Un formato HD da 1600 x 1200 px, è decisamente sufficiente per tenere sotto controllo la situazione, mantenendo un ottimo compromesso tra qualità e peso del filmato.

Resistenza agli agenti atmosferici

Una telecamera di sicurezza è spesso alla mercé di pioggia, vento, umidità e a qualunque altro tipo di agente atmosferico. Proprio per questo motivo, esistono due scale di misura per determinare quanto una telecamera sia resistente alle intemperie. Ovviamente, se il dispositivo è posizionato in un contesto riparato (meglio se interno) questo non è un requisito fondamentale, contrariamente è bene fare grande attenzione in fase di acquisto.

Quando si tratta di polveri o agenti simili, si passa da un valore di 0 fino a 5 (ovvero fino a una protezione dalle polveri anche più sottili. Per quanto concerne l’umidità, si tratta di una scala che va da un valore pari a 0 sino a uno da 8 che, teoricamente, protegge l’integrità della telecamera anche se andasse a finire sott’acqua.

L’integrazione con gli assistenti virtuali

Se parliamo di kit di sorveglianza nel contesto di una casa smart, assume un valore elevatissimo la possibilità di integrare i dispositivi in un ecosistema intelligente. In tal senso, è bene abbinare il prodotto con l’assistente virtuale in dotazione nella propria casa.

In questo modo, sotto il punto di vista dell’interazione con il resto della casa, si può avere un sistema compatto, funzionale e pienamente integrato con gli altri elettrodomestici.

I migliori kit sul mercato

Dopo esserci soffermati a lungo su alcune tra le principali caratteristiche di questi prodotti, è bene andare nel dettaglio e illustrare quali sono i kit di videosorveglianza sul mercato. Nello specifico, abbiamo individuato 5 modelli particolarmente interessanti.

Anlapus DVR Kit Videosorveglianza

Anlapus DVR Kit Videosorveglianza

Cominciamo con un Kit base come Anlapus DVR Kit Videosorveglianza che, a dispetto di un costo contenuto, è comunque in grado di offrire un servizio all’altezza della situazione.

Stiamo parlando di una base da 4 canali 2MP HD-TVI DVR abbinato a 2 telecamere impermeabili. I due canali aggiuntivi consentono di collegare potenzialmente altre telecamere alla postazione. Il sistema permette di ottenere una visione notturna fino a 20 metri, così come appare molto utile il sistema di rilevamento movimenti avanzato, in grado di evitare potenziali falsi allarmi. Una volta che Anlapus DVR individua un movimento sospetto, invia una notifica via posta elettronica o app al proprietario di casa.

Apprezzabile la possibilità di utilizzare tre diverse modalità di registrazione: la pianificata, la manuale e il rilevamento di movimento. I video ottenuti possono essere archiviati automaticamente su disco rigido (acquistabile a parte). Sotto il punto di vista dei video, questo dispositivo utilizza la compressione H.265+, con un ottimo compromesso tra qualità video e peso dei file ottenuti.

YI Home Camera

YI Home Camera

Con un budget leggermente più abbondante è possibile acquistare YI Home Camera. Stiamo parlando di un kit di sorveglianza costituito da 4 telecamere con risoluzione 1920 x 1080p (Full HD), lente grandangolo con zoom digitale 4x e 8 LED infrarossi non visibili al buio per una eccellente visione notturna.

I sistemi di rilevamento movimento (fino a 20 fps) e quello sonoro (tra i 50 ei 90 decibel), sono abbinate a notifiche push su smartphone. L’accensione e lo spegnimento delle telecamere è programmabile a determinati orari o giorni della settimana. Il set YI Home Camera offre anche una modalità audio bidirezionale, oltre a una piena compatibilità con Alexa ed Echo Show.

Infine, va considerato come il kit permette di archiviare i filmati su cloud (previa iscrizione ad apposito servizio) o di acquistare a parte una scheda microSD per archiviare localmente i file.

REIGY 3MP

REIGY 3MP

REIGY 3MP è un kit di 4 telecamere, con la possibilità di aggiungerne ulteriori 4.

Le stesse garantiscono una risoluzione Pro HD 3MP (2304 x 1296) con ben 3 modalità di visione notturna:  infrarossi, Spotlight e Smart. Il sistema è dotato di altoparlante e microfono integrati, per un audio bidirezionale. Il design curato, permette alle telecamere REIGY 3MP di ottenere la certificazione IP66: ciò significa che con gelo, neve o sole, le stesse funzionano senza alcun tipo di problema.

Il kit, di default,  imposta automaticamente la registrazione continua per 24 ore. Quando lo spazio di archiviazione del disco rigido è insufficiente, il dispositivo sovrascrive automaticamente i dati più vecchi. Nonostante ciò, va ricordato come al momento dell’acquisto non sia presente alcun disco rigido: lo stesso deve essere acquistato a parte.

REIGY 3MP è gestibile interamente attraverso l’app Eseecloud (per iOS e Android) o su sistemi Windows, in tutti i casi con una configurazione molto semplice e alla portata di tutti.

ANNKE WL300 5MP

ANNKE WL300 5MP

Il sistema di videosorveglianza ANNKE WL300 5MP propone, nella confezione, un monitor NVR da 10,1 pollici per tenere sotto controllo le 4 telecamere (1296 pixel) che costituiscono il kit.

Per collegare monitor NVR e telecamere non è necessario alcun cavo, il tutto avviene in maniera automatica, senza necessità di WiFi, fino a una distanza di circa 300 metri. Di fatto, il kit di sorveglianza, lavora 24 ore su 24, senza aver necessità di accedere alla rete. Le telecamere includono microfoni incorporati, mentre il rilevamento di movimento con AI avanzata permette di evitare falsi allarmi. La compatibilità con l’assistente virtuale Alexa e la possibilità di comprimere i video con la tecnica H.264+, rappresentano ulteriori vantaggi di un prodotto molto interessante.

Reolink 4K

Reolink 4K

Con Reolink 4K si va verso l’apice del settore. Si parla di 4 telecamere in grado di offrire una risoluzione 4K UHD, con registrazioni da 25 fps. Queste sono in grado di registrare a colori anche durante la notte, oltre ad essere gestite da un’avanzata forma di intelligenza artificiale, altamente personalizzabile e adatta tanto a contesti casalinghi quando a negozi e attività commerciali.

Il sistema di conversazione bidirezionale è gestibile attraverso l’app Reolink e permette di ascoltare e comunicare attraverso le installazioni. Il tutto è gestibile attraverso la funzionalità plug & play: basta un solo cavo per collegare la telecamera allo schermo e il tutto funziona attraverso la tecnologia PoE (Power over Ethernet).

Potrebbero interessarti
Consigli per gli acquistiDomoticaSicurezza

Migliori telecamere spia per sicurezza e sorveglianza

Consigli per gli acquistiDomoticaSicurezza

7 motivi per cui non dovresti installare un citofono smart

Consigli per gli acquistiDispositivi smartDomoticaSicurezza

6 kit base per la tua prima smart home

DomoticaSicurezza

10 trucchi per proteggere la tua rete Wi-Fi dagli hacker