Sicurezza

Migliori kit di sorveglianza per una casa smart

sistema sicurezza

La sicurezza della propria abitazione dovrebbe essere una priorità in ogni famiglia e i kit di sorveglianza sono senz’altro una buona soluzione.

Impedire l’ingresso di malintenzionati nell’ambiente domestico infatti, è una necessità estremamente sentita dagli abitanti: le case isolate infatti, sono sempre più oggetto di attenzioni poco piacevoli sebbene anche i condomini siano da diverso tempo oggetto di furti.

Al di là dei danni materiali e morali, il furto in casa è uno dei reati più odiosi. Il motivo? In questo caso infatti, il proprietario si sente attaccato nel proprio intimo e soprattutto indifeso, visto che raramente i responsabili vengono arrestati.

Per sopperire a questa esigenza di sicurezza dunque, sul mercato sono disponibili un gran numero di kit per la sorveglianza più o meno efficienti. In questo articolo andremo ad esaminare quelli più avanzati, in grado di integrarsi perfettamente nell’ecosistema di una casa smart.

kit videosorveglianza

Kit di sorveglianza: come scegliere quello più adatto

Quando si parla di kit per la sorveglianza, di quale prodotto stiamo parlando? Solitamente si tratta di un set di telecamere abbinato a un hub attraverso cui poterle gestire.

Se questa definizione può delineare un prodotto identico a un vecchio sistema di videosorveglianza, in realtà non è così. Grazie alle nuove tecnologie infatti, questo tipo di prodotto si propone come estremamente avanzato, in grado di permettere un’interazione molto profonda.

Di seguito, andremo ad analizzare quali sono i principali parametri da tenere in considerazione prima di acquistare un kit di sorveglianza per la propria abitazione.

Per quanto riguarda i kit antifurto, da non confondere con i dispositivi protagonisti di questo articolo, consigliamo invece di dare un’occhiata a questo articolo.

Le telecamere

Le videocamere siano una priorità assoluta quando si parla di sistemi di sicurezza. In tal senso, la prima caratteristica che analizzeremo è il tipo di installazione. Esistono due tipi (più una “bonus”) di filosofie:

  • L’installazione a visione locale, che prevede l’invio delle immagini direttamente su un computer o un qualunque altro monitor presente in casa. La connessione avviene tramite filo. Solitamente questa soluzione è ideale per case con giardino particolarmente grandi
  • Quella a visione mobile, che permette di avere le immagini in tempo reale sul proprio smartphone/PC anche a distanza di chilometri. Ovviamente, in questo caso è necessario dotare il kit e/o le telecamere di un sistema che possa gestire il flusso dei dati da remoto (3G o WiFi).
  • Infine esiste un terzo metodo che, più che altro, risulta un escamotage piuttosto semplice. Stiamo parlando di telecamere finte posizionate in punti strategici. In alcuni casi infatti, la sola presenza di questi dispositivi può scoraggiare eventuali malintenzionati.

Come è dunque facile intuire, un’altra scelta più generica riguardo le telecamere è se adottare un sistema con o senza filo. Una connessione cablata, e dunque dotata di cavi fisici, solitamente è più affidabile ma comporta anche una serie di problemi per quanto concerne l’installazione.

D’altra parte, chi vive in zone con particolari disturbi elettromagnetici, potrebbe avere difficoltà sostanziali anche con una connessione di tipo wireless.

telecamera di sicurezza

Tipo di telecamera e zoom

Ovviamente il tipo di connessione è solo una caratteristica tra le tante. Per individuare il kit di sorveglianza più adatto alla propria abitazione, è infatti necessario analizzare con grande attenzione il tipo di telecamere di cui questo è dotato.

Sotto questo punto di vista, rispetto ai vecchi modelli analogici, è bene scegliere quelle IP. Optando per questa soluzione più moderna infatti, è possibile gestire il flusso dati con un cavo Ethernet o con una linea WiFi. Nel primo caso invece, le immagini vengono inviate a una sorta di registratore di vecchia concezione.

In alcuni casi, può risultare utile adottare kit dotati di microfono integrato. In questo modo è possibile, oltre che vedere, anche ascoltare tutto ciò che accade in casa o comunque davanti al suo ingresso.

Risoluzione

Come qualunque altro tipo di telecamera, anche quelle incluse nei kit di sorveglianza presentano, di modello in modello, diverse risoluzioni. In tal senso, si spazia dalle ormai superate risoluzioni da 640 x 480 pixel fino alle ultra avanzate da 2560 x 2048 pixel.

Se nel primo caso si tratta di immagini di pessima qualità, nell’ultimo si va decisamente ad esagerare, con una risoluzione talmente accurata da essere sprecata per questo contesto. In tal senso, trovare una via di mezzo può essere la scelta migliore, sia per questioni di prezzo per per l’eventuale invio di dati attraverso reti wireless.

Un formato HD da 1600 x 1200 px, è decisamente sufficiente per tenere sotto controllo la situazione, mantenendo un ottimo compromesso tra qualità e peso del filmato.

Resistenza agli agenti atmosferici

Una telecamera di sicurezza è spesso alla mercé di pioggia, vento, umidità e a qualunque altro tipo di agente atmosferico. Proprio per questo motivo, esistono due scale di misura per determinare quanto una telecamera sia resistente alle intemperie. Ovviamente, se il dispositivo è posizionato in un contesto riparato (meglio se interno) questo non è un requisito fondamentale, contrariamente è bene fare grande attenzione in fase di acquisto.

Quando si tratta di polveri o agenti simili, si passa da un valore di 0 fino a 5 (ovvero fino a una protezione dalle polveri anche più sottili. Per quanto concerne l’umidità, si tratta di una scala che va da un valore pari a 0 sino a uno da 8 che, teoricamente, protegge l’integrità della telecamera anche se andasse a finire sott’acqua.

L’integrazione con gli assistenti virtuali

Se parliamo di kit di sorveglianza nel contesto di una casa smart, assume un valore elevatissimo la possibilità di integrare i dispositivi in un ecosistema intelligente. In tal senso, è bene abbinare il prodotto con l’assistente virtuale in dotazione nella propria casa.

In questo modo, sotto il punto di vista dell’interazione con il resto della casa, si può avere un sistema compatto, funzionale e pienamente integrato con gli altri elettrodomestici.

I migliori kit sul mercato

Dopo esserci soffermati a lungo su alcune tra le principali caratteristiche di questi prodotti, è bene andare nel dettaglio e illustrare quali sono i kit di videosorveglianza sul mercato. Nello specifico, abbiamo individuato 5 modelli particolarmente interessanti.

Sistema di sorveglianza ARLO VMS3330

ARLO VMS3330

Il sistema per la sorveglianza ARLO VMS3330 offre un servizio di alto livello, capace di distinguersi dai tanti prodotti disponibili in questo settore.

Il kit si basa su un sistema wireless a batterie, in grado di offrire video girati in qualità HD. Le telecamere sono realizzate con particolare materiale impermeabile e resistente alle intemperie e, per questo motivo, le stesse possono essere posizionate sia internamente che esternamente.

Altra caratteristica saliente di ARLO VMS3330 è la possibilità di ricevere delle notifiche push o delle e-mail quando viene rilevato un movimento dalle telecamere stesse. Le luci a infrarossi integrate, in tal senso, permettono la massima funzionalità anche nelle ore notturne.

Le immagini catturate dalle telecamere vengono immagazzinate su uno spazio cloud gratuito per una settimana. Per quanto concerne la compatibilità, è bene segnalare come questo sistema è pienamente compatibile con Amazon Alexa. Risulta possibile abbinare, ovviamente a costi diversi, il kit a un numero di telecamere compreso tra 1 e 4. ARLO non è nuova a prodotti di grande qualità nell’ambito della sicurezza: in precedenza infatti abbiamo parlato delle videocamere di sicurezza Arlo Pro 2.

Victure FHD 1080P

Victure FHD 1080P

Molti utenti non hanno esigenze così complesse. Per poter tenere sotto controllo l’ingresso di un appartamento, per esempio, può bastare una singola telecamera: in tal senso può risultare interessante Victure FHD 1080P, una videocamera di sorveglianza semplice e dal costo accessibile.

Al dispetto dell’unica telecamera e del costo basso, si tratta di un dispositivo estremamente funzionale. La caratteristica principale del dispositivo è senz’altro la protezione da corpi liquidi e solidi, che rende ideale il dispositivo anche per l’uso esterno. Anche la qualità video si conferma di alto profilo, soprattutto grazie alla risoluzione FHD 1920 x 1080, e all’apporto notevole di un infrarosso da 850 nm (distanza di visione notturna superiore ai 15 metri).

L’obiettivo grandangolare di 110° permette a Victure FHD 1080P di offrire immagini nitide in qualsiasi condizione climatica e di luminosità. Anche in questo caso, la telecamera avverte l’utente di un movimento sospetto attraverso una notifica sullo smartphone (l’app funziona sia con iOS che con Android): per evitare falsi allarmi è possibile regolare la sensibilità del sensore, in modo da non essere inondati di messaggi.

Altro tocco di classe è il microfono, non solo integrato ma anche bidirezionale. Esso permette di comunicare con le persone in modo chiaro, come se fossi al di là della porta anche quando ci si trova molto distanti.

L’antenna esterna in dotazione garantisce un’ampia copertura WiFi e una connessione stabile. Victure FHD 1080P supporta schede micro SD fino a 128 GB, pur essendo anche disponibile un pratico servizio di archiviazione cloud con tanto di crittografia dei dati salvati.

SANNCE POE

SANNCE POE

Quando si parla dei migliori kit di sorveglianza è quasi obbligatorio citare SANNCE POE. È un sistema di videosorveglianza altamente avanzato, dotato di ben 8 telecamere: le immagini registrate sono in HD, con risoluzione da 1080 pixel, supportate da una visione notturna in bianco e nero che può raggiungere i 30 metri.

Tra le funzionalità presenti c’è Power Over Ethernet, che permette una connessione più semplice rispetto a tanti altri sistemi di questo tipo.

Le altre funzionalità presenti sono:

  • Rilevatore di movimento, che va a segnalare tramite mail l’anomalia al proprietario di casa;
  • Resistenza a intemperie e polvere grazie alla certificazione IP66;
  • La tecnologia P2P, che permette di monitorare da remoto la propria abitazione tramite smartphone o tablet

Il kit appena illustrato rappresenta uno dei migliori attualmente sul mercato. Ovviamente, per numero di telecamere e qualità generale, non è adatto a tutte le tasche.

Reolink Kit

Reolink Kit

Se teniamo fede ai dispositivi preferiti secondo le recensioni presenti in rete, Reolink Kit rappresenta forse il prodotto ideale di questo settore. Le telecamere incluse infatti, sono in grado di lavorare con una risoluzione di 1920 x 1080 pixel: di fatto, è possibile registrare video in una qualità notevole nonché con colori vivi e reali. Anche in questo caso, il raggio d’azione delle telecamere supera i 30 metri, anche al buio (grazie agli infrarossi).

Il montaggio risulta piuttosto facile, grazie al classico sistema Plug e Play: ciò permette anche a un principiante di montare senza troppa difficoltà il kit. Grazie all’HDD da 2 TB (e al potenziale supporto di un disco rigido esterno) è possibile gestire filmati piuttosto pesanti in termini di spazio occupato.

Come qualunque altro prodotto di qualità del settore, è possibile ottenere notifiche push e/o audio su smartphone e avvisi tramite posta elettronica in caso di movimenti anomali registrati. Di fatto, Reolink Kit rappresenta un kit ideale per tenere sotto controllo anche abitazioni piuttosto ampie e con diversi ingressi.

FLOUREON DVR

FLOUREON DVR

Concludiamo la lista dei kit di sorveglianza con un compromesso tra prezzo e qualità. Il set FLOUREON DVR infatti, rappresenta un buon compromesso tra le due caratteristiche.

Quanto proposto da FLOUREON, supporta la tecnologia P2P, per un collegamento alla linea internet facile da attivare e dalle prestazioni ottime. A ciò va abbinata l’uscita HDMI, una USB e una VGA: tutte e tre non particolarmente comuni in questo tipo di set.

Il rilevatore di movimento è collegato a un sistema di invio e-mail, che consente al proprietario di casa di essere sempre aggiornato su cosa succede nella sua abitazione e all’ingresso della stessa. Per quanto concerne la risoluzione, si parla dello standard da 1080 pixel, con telecamere dotate di filtro IR-CUT.

Di fatto la qualità delle immagini di giorno risulta di ottima qualità, con colori vivi e realistici. Di notte invece, le immagini a infrarossi, appaiono in bianco e nero ma altrettanto ben definite. Infine, per quanto concerne l’impermeabilità a umidità e polvere, FLOUREON DVR si conquista un lusinghiero certificato IP66, che rende il sistema adatto a lavorare tanto all’interno della casa quanto fuori.

Non perderti i nostri approfondimenti sulla casa, domotica ed elettrodomestici, segui il nostro canale Telegram: t.me/casahitech
banner telegram offerte
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
Potrebbero interessarti
Consigli per gli acquistiDomoticaSicurezza

Migliori telecamere IP WiFi da interno

DomoticaRecensioniSicurezza

Recensione eufy Security 2K: telecamera WiFi con riconoscimento di persone ed animali

Consigli per gli acquistiDispositivi smartDomoticaSicurezza

Migliori campanelli smart con video | Guida all'acquisto

Dispositivi smartDomoticaRecensioniSicurezza

Recensione Kit Alexa Avidsen: perfetto per iniziare con la domotica