Acquisto Apple HomePod: quali sono i pro e quali i contro?

Di Marco
Seguici su Google News

Il lancio sul mercato dello speaker intelligente HomePod è stato alquanto difficile:  nonostante il design elegante e l'ottima qualità del suono, la produzione della versione originale è stata interrotta da Apple a causa delle scarse vendite.

Tuttavia, Apple ha reintrodotto una seconda generazione di altoparlanti smart, con diversi miglioramenti, che sono stati accolti con maggior calore dal pubblico (pur non senza qualche critica). In questo articolo andremo ad analizzare proprio la seconda generazione di HomePod, inclusa la sua controparte più piccola ed economica, ovvero l'HomePod Mini.

Nelle prossime righe, dunque, analizzeremo pro e contro di questi dispositivi, per aiutarti a capire se sono un prodotto adatto alle tue esigenze o meno.

I pro dell'acquisto di un Apple HomePod

La definizione di seconda generazione suona molto bene e promette magie nell'ambito di una smart home. Di seguito analizzeremo i punti forti del prodotto Apple.

1- Qualità del suono

L'HomePod di Apple è progettato per offrire un audio nitido con un woofer di alta qualità e tweeter altrettanto performanti. L'HomePod di seconda generazione è dotato di 4 microfoni e un woofer da 4 pollici per garantire un suono privo di distorsioni anche quando il volume è notevolmente alto.

Allo stesso modo, l'HomePod mini è guidato da un singolo driver full-range e radiatori passivi che danno alla musica trasmessa una buona risposta dei bassi, senza sacrificare la voce e le frequenze più alte. Alla prova pratica, dunque, entrambi questi altoparlanti domestici intelligenti suonano in modo eccellente.

L'HomePod fa un ottimo lavoro nel riempire e avvolgere la stanza, grazie al design a 360 gradi. Per quanto riguarda l'HomePod mini, sebbene sia più piccolo e compatto, è sorprendente quanto volume possa risultare di qualità. Ovviamente puoi utilizzare Spatial Audio su Apple Music per mettere alla prova i tuoi altoparlanti intelligenti Apple.

2- Integrazione totale con l'ecosistema di Apple

Se conosci un minimo Apple, tutto cià non dovrebbe sorprenderti. HomePod fa un ottimo lavoro di integrazione con l'ecosistema Apple: puoi connettere senza problemi con altri dispositivi Apple, come il tuo iPhone o un termostato abilitato per HomeKit.

Tenendo il tuo iPhone vicino all'altoparlante si attiva una procedura di configurazione automatica e sincronizza la libreria musicale, il calendario e i promemoria del tuo HomePod con il tuo ID Apple. L'HomePod ti avvisa anche riguardo la ricezione di messaggi di testo e telefonate.

HomeKit

3- Design minimale ed elegante

Apple ha sempre avuto la reputazione di essere all'avanguardia in termini di design del prodotto e attenzione ai dettagli. Ovviamente, HomePod non fa altro che confermare questa nomea. Rispetto ad altri altoparlanti intelligenti, entrambi i modelli HomePod di Apple sono eleganti e minimali, in linea con lo stile che contraddistingue da sempre questo produttore.

La struttura esterna in maglia diamantata e il cavo intrecciato dell'HomePod si adattano perfettamente agli interni delle case moderne. Un passo avanti notevole rispetto alla concorrenza, che spesso sembra totalmente fuori contesto. La sua parte superiore presenta una luce d'ambiente che si attiva con Siri e permette di illuminare qualsiasi stanza in cui è collocata.

L'HomePod di Apple è attualmente disponibile nelle colorazioni bianco e mezzanotte, consentendo all'altoparlante di fondersi bene con qualsiasi arredamento dai colori neutri. L'HomePod mini è disponibile in colori più fantasiosi come arancione, blu, giallo, bianco e grigio siderale.

4- Integrazione con una smart home

Come altri altoparlanti intelligenti, anche questo prodotto ti consente di controllare facilmente altri gadget per la smart home presenti nella tua casa. La capacità di Siri di gestire questi contesti è migliorata con HomePod poiché si integra completamente con la già citata piattaforma HomeKit di Apple.

Gli HomePod di Apple possono controllare i dispositivi domestici intelligenti una volta configurati tramite l'app Casa di iOS. Puoi utilizzare l'altoparlante come Home Hub per controllare altri dispositivi collegati al tuo sistema HomeKit. Questo è possibile anche se sei lontano da casa, purché tu abbia una connessione internet a disposizione.

HomePod supporta anche il protocollo per smart home Thread. Ciò include un'ampia varietà di dispositivi supportati, incluse come serrature intelligenti, prese, luci e telecamere, che possono essere controllati tramite comandi vocali.

I contro dell'acquisto di un Apple HomePod

Non è tutto oro quello che luccica. Come già affermato, nonostante la seconda generazione di questi dispositivi abbia convinto maggiormente il mercato, presenta ancora un lato oscuro che potrebbe costituire un ostacolo al tuo acquisto.

Analizziamo dunque insieme i potenziali svantaggi legati a questo tipo di speaker intelligente.

1- Più costoso dei suoi concorrenti

Per gli utenti Apple questa potrebbe non essere una grande sorpresa, ma dovresti sapere che HomePod è decisamente più costoso rispetto alla concorrenza.

I circa 350 euro richiesti per l'acquisto, infatti, superano anche gli speaker più costosi degli altri produttori. Per esempio, Amazon Echo Show 10 (terza generazione) costa circa 270 euro, e rappresenta comunque già un dispositivo con un costo molto alto rispetto al resto del mercato.

Non solo: calcola anche che, per realizzare un ottimo contesto di casa smart, potrebbero essere necessario acquistare due altoparlanti. Ciò significa che i soli speaker potrebbero venirti a costare 700 euro.

La situazione migliora un po' con HomePod mini, con un costo intorno ai 100 euro. Anche in questo caso, però, è possibile trovare alternative di elevato valore a un prezzo minore Sebbene i prodotti Apple siano generalmente più costosi della concorrenza, il prezzo elevato di entrambi gli HomePod è più difficile da giustificare, anche perché non è l'unico problema legato a questi prodotti (come vedremo in seguito).

2- Compatibilità limitata

HomePod può essere configurato solo con dispositivi iOS e non è compatibile con Android. Tutto ciò taglia fuori una vasta fetta d'utenza.

Inoltre, l'HomePod non ha alcun supporto Bluetooth. Quindi, anche quando anche cercando espedienti di vario tipo, non potrai comunque attingere a un sistema Android per lo streaming musicale. A differenza di altri altoparlanti intelligenti, non puoi nemmeno collegarlo a un lettore audio esterno. Questo perché nessuno dei due HomePod ha una porta ausiliaria.

HomePod Mini

3- Mancanza di un adeguato supporto Spotify

Il più grande svantaggio dell'acquisto di un HomePod è la completa mancanza di supporto per Spotify. Altri altoparlanti intelligenti possono riprodurre brani, playlist e podcast direttamente dal popolare servizio di streaming musicale, senza alcun tipo di problema. Questo non è teoricamente possibile con l'HomePod, anche se vi è una scorciatoia.

Per utilizzare Spotify su questi prodotti, gli utenti devono scegliere manualmente la canzone o le playlist desiderate sull'app Spotify tramite il proprio iPhone, iPad o MacBook. Quindi, tramite AirPlay, la traccia viene riprodotta sul tuo altoparlante intelligente. Tuttavia, non esiste un supporto nativo, il che significa che non puoi chiedere a Siri di riprodurre un brano da Spotify in maniera diretta.

Ciò non significa che, in un prossimo futuro, Spotify rimedi a questo limite: di fatto, però, riprodurre i brani attraverso questa app al momento è tutto fuorché comodo.

4- Prestazioni Siri deludenti

Siri è responsabile di tutto sul tuo HomePod ma, prove alla mano, è molto indietro rispetto a concorrenti come Alexa e Assistente Google in termini di funzionalità complessive.

Siri può impostare un solo timer, mentre Alexa e altri assistenti possono impostarne più contemporaneamente e con nomi personalizzati. Anche l'elaborazione del linguaggio, la risposta alle domande di follow-up e altri fattori legati alle prestazione palesano come Apple debba ancora colmare un certo gap.

Un acquisto che ha davvero senso?

Da un lato, l'HomePod è un altoparlante intelligente dal suono di altissima qualità, che si integra bene con l'ecosistema Apple. Tuttavia, le prestazioni deludenti di Siri e la compatibilità limitata rendono difficile giustificare il prezzo elevato.

Se sei un appassionato Apple e vuoi realizzare la tua casa smart appoggiandoti a questo marchio, questa scelta può avere senso. In caso contrario, potresti trovare prodotti più convenienti e comunque di elevata qualità a cui affidarti.

Fonte: Makeuseof

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte
Argomenti:

Chi siamo?

CasaHiTech è il luogo in cui troverai notizie, approfondimenti e guide riguardanti l’uso della tecnologia nelle abitazioni.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram