ElettrodomesticiGuide e How-To

Pulizia della casa: perché scegliere i robot aspirapolvere

Pulizia della casa

Tra gli elettrodomestici che non possono mancare all’interno delle nostre abitazioni, quelli dedicati alla pulizia della casa rientrano tra quelli più importanti. Esistono diversi dispositivi, dai tradizionali aspirapolvere (sia con cavo che senza fili), fino ai più moderni robot aspirapolvere.

E’ proprio di questi prodotti che vogliamo occuparci, focalizzandoci su:

  • Quali sono le reali potenzialità;
  • I vantaggi dello scegliere questo tipo di strumento;
  • Come utilizzarli al meglio per avere pavimenti sempre puliti e liberi dalla polvere.

Le potenzialità e i vantaggi dei robot aspirapolvere

Pulizia della casa con i robot aspirapolvere

Pulizia della casa con i robot aspirapolvere

Per comprendere quali sono le potenzialità dei robot aspirapolvere è doveroso ricordare quali le caratteristiche che li contraddistinguono e li rendono particolarmente ambiti dalle famiglie.

Di per sé si tratta di elettrodomestici semplici, dotati di spazzole, un serbatoio per l’aspirazione e di una serie di sensori che, uniti alla sua “centralina”, permettono al robot di muoversi e occuparsi della pulizia di ogni punto dei pavimenti di casa.

Qual è la loro peculiarità? Senz’altro l’automazione: questi prodotti agiscono in maniera automatica e non richiedono alcun intervento umano visto che, quando la batteria si è scaricata, ritornano in autonomia verso la base di ricarica.

È anche possibile anche programmare l’attività di pulizia della casa, in modo da avere sempre il pavimento pulito una volta rientrati a casa dal lavoro o dalle vacanze. L’automazione dei robot aspirapolvere consente anche di avere più tempo libero, da dedicare ad altre faccende domestiche o per rilassarsi comodamente mentre questo elettrodomestico pulisce casa.

Inoltre i robot assicurano un’ottimizzazione dei consumi, riducendo al minimo necessario il tempo di accensione: dal momento in cui si avviano, infatti, inizieranno a muoversi per tutta la stanza e ad aspirare polveri e detriti, annullando del tutto i tempi morti.

Come utilizzare i robot aspirapolvere per la pulizia della casa

Dopo che abbiamo visto perché è vantaggioso avere un robot aspirapolvere per la pulizia della propria casa è doveroso concentrarsi su quali sono le indicazioni per sfruttarlo al meglio. Abbiamo già avuto modo di parlare dell’importanza della manutenzione ordinaria, ovvero di tutta quella serie di operazioni utili a mantenere sempre efficiente questo elettrodomestico. Allo stesso tempo è importante conoscere alcuni aspetti del funzionamento del robot aspirapolvere per poter beneficiare al meglio di tutti i vantaggi e sfruttarne pienamente le potenzialità. Andremo pertanto a parlare di:

  • ostacoli sul pavimento;
  • tipologia di superfici;
  • quantità di sporcizia;
  • autonomia e base di ricarica;
  • il serbatoio.

Ostacoli sul pavimento

Ostacoli sul pavimento

Ostacoli sul pavimento

I robot aspirapolvere sono elettrodomestici sempre più efficienti e capaci di muoversi anche in spazi ristretti. Ma è preferibile agevolargli le operazioni di manovra, togliendo dalla traiettoria ogni tipologia di ostacolo, soprattutto quelli più ingombranti. Viste le dimensioni medie, un robot aspirapolvere, in presenza di troppi ostacoli,  rischia di non riuscire a pulire completamente le stanze. Un esempio? Le briciole di pane potrebbero restare sotto il tavolo a causa delle gambe delle sedie.

Tipologia di superfici

Tipologia di superfici

Tipologia di superfici

Potenzialmente con questi elettrodomestici è possibile pulire qualsiasi tipo di superficie, sebbene il comportamento varia da robot a robot.

Cosa bisogna fare per assicurarsi la piena compatibilità del proprio robot aspirapolvere? Queste sono le piccole azioni che ti consigliamo:

  • Lettura del libretto delle istruzioni e del sito ufficiale. E’ qui dove troverai elencate le superfici compatibili: se il tuo robot funziona senza alcun problema su pavimenti, parquet, moquette e tappeti il produttore lo evidenzierà di sicuro in più punti
  • Controllo delle setole. Molti produttori supportano diverse superfici tramite una moltitudine di spatole differenti, mentre altri adattano la velocità di movimento e la potenza di aspirazione in automatico. Per questo motivo, se all’interno della scatola troverai setole diverse in dimensioni e materiali, ti consigliamo di leggere il manuale delle istruzioni attentamente e scegliere quelle più adatte al tuo ambiente
  • Presta attenzioni alle superfici scure o riflettenti.I sensori dei robot aspirapolvere potrebbero essere ingannati da questa tipologia di pavimenti, in quanto i sensori che usa per navigare gli ambienti lavorano su frequenze della luce differenti da quelle della vista umana. Pertanto è meglio informarsi prima di procedere all’acquisto, in modo da trovare il modello adatto alla pulizia della propria casa.

Quantità di sporcizia

Quantità di sporcizia

Quantità di sporcizia

I robot aspirapolvere sono eccezionali per la pulizia della casa, ma non sono perfetti. I residui più voluminosi (terra, cocci, plastica e fazzoletti) potrebbero costituire un problema.

Per la pulizia ordinaria questi aspirapolvere non hanno problemi, ma in casi eccezionali ti consigliamo di pulire prima con la scopa, in modo da rimuovere lo sporco più voluminoso. Una volta fatto potrai scatenare il robot aspirapolvere per rimuovere tutto il resto.

Autonomia e base di ricarica

Autonomia e base di ricarica

Autonomia e base di ricarica

Sarà un’ovvietà ma è chiaro che affinchè il robot aspirapolvere funzioni è necessario che abbia la batteria carica. I modelli tecnologicamente avanzati hanno la capacità di calcolare automaticamente i tempi che gli occorrono per pulire una determinata stanza.

Quando la batteria si sta scaricando, il robot torna da solo alla base fino a quando la batteria non è nuovamente carica. In questi casi il consiglio è quello di posizionare la base di ricarica in un punto fisso e di lasciarla sempre allo stesso posto, in modo che il robot possa organizzare al meglio la pulizia della casa.

I modelli più vecchi, realizzati più di un paio di anni fa, potrebbero non prevedere questa funzione. In questi casi è bene utilizzare esclusivamente l’alimentatore originale e seguire le indicazioni presenti sul libretto di istruzioni: in molti casi ricaricare di continuo la batteria, anche quando questa non è completamente scarica, può comprometterne la longevità. Meglio quindi adeguarsi alle linee guida in modo da mantenere intatte l’efficienza e la durata della batteria.

Il serbatoio

Serbatoio aspirapolvere

Serbatoio aspirapolvere

I robot aspirapolvere puliscono le superfici e accumulano la polvere e i residui nel serbatoio dedicato. Questo va poi svuotato manualmente: nei modelli più avanzati è di solito presente una spia che segnala il livello di riempimento del serbatoio, mentre in tutti gli altri bisognerà controllare manualmente. Il consiglio è quello di controllare regolarmente il serbatoio e svuotarlo ogni volta che si mette in funzione il robot aspirapolvere: pertanto, se si imposta un programma di pulizia quotidiano, vi consigliamo di svuotare il serbatoio ogni giorno alla fine della pulizia. In questo modo avrai la certezza che il robot interromperà la pulizia sul più bello a causa del serbatoio pieno.

CANALE TELEGRAM_CASAHITECH

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
Potrebbero interessarti
ElettrodomesticiGuide e How-To

Come fare la manutenzione delle scope elettriche e aspirapolveri

Consigli per gli acquistiCucinaElettrodomestici

Le migliori cooking machine del 2019

Aspirapolveri e puliziaElettrodomesticiGuide e How-To

Come fare la manutenzione dei robot aspirapolvere: guida pratica

Aspirapolveri e puliziaElettrodomesticiGuide e How-To

Come fare la manutenzione del Roomba: guida pratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere
5 migliori robot aspirapolvere per la pulizia della casa