Dispositivi smart

10 funzioni del tuo termostato smart che dovresti utilizzare

Il passaggio a un termostato smart rispetto da uno classico è un aggiornamento molto apprezzabile. Di fatto però, sono pochi gli utenti che sfruttano appieno questo tipo di upgrade: soprattutto in tempi di crisi energetica, saper sfruttare al meglio tutto ciò che offre la tecnologia può fare la differenza nei mesi invernali, quando il riscaldamento funziona con una certa costanza.

In questo articolo abbiamo raccolto una serie di consigli che ti permetteranno di sfruttare al massimo le funzioni del tuo termostato intelligente e ridurre al minimo le tue bollette in questo 2022 travagliato.

Netatmo Termostato WiFi

Il tuo termostato smart non può fare tutto automaticamente

Molte persone si ritrovano ad avere a che fare con questo tipo di prodotto in seguito a un regalo o perché l’hanno trovato già nella loro abitazione in affitto. Se ti trovi in una di queste situazioni, probabilmente conosci ancora poco del tuo termostato e, in tal senso, potresti trascurare alcune funzionalità molto utili.

Oltre a leggere il nostro elenco di funzionalità presenti in questo articolo, è il momento perfetto per controllare quale modello di termostato intelligente hai e di leggere il manuale fornito dal produttore. Ciò ti aiuterà a identificare tutte le funzionalità e ad imparare a usarle in breve tempo.

Molte di queste fantastiche funzionalità si attivano automaticamente automaticamente in background subito dopo aver installato il termostato, ma molte di esse richiedono una vera e propria procedura di attivazione. Non dare per scontato che una funzione sia attiva per impostazione predefinita solo perché è pubblicizzata come disponibile sul tuo dispositivo.

Se poi conosci proprio poco sui termostati intelligenti, dai un’occhiata a questo nostro articolo per conoscere quali sono i principali modelli sul mercato.

Usa la pianificazione intelligente

Esistono due grandi modi in cui i termostati intelligenti semplificano l’impostazione di un programma di riscaldamento. Innanzitutto, se vuoi impostare manualmente un programma (o più di essi) è molto più facile farlo con l’app o l’interfaccia Web rispetto a quanto non fosse con i vecchi termostati.

Di fatto, non avrai a che fare con bottoni e tastierini numerici ma con un più semplice software per pianificare ogni comportamento automatico del dispositivo.

Non solo: molti termostati smart hanno funzioni di programmazione intelligente che si adattano nel tempo alle abitudini della tua famiglia. Senza muovere un dito, il tuo termostato può apprendere gli orari in cui c’è qualcuno in casa e quelli in cui l’abitazione è vuota, adattandosi di conseguenza.

Abilita integrazione Smart Home

Ci stiamo lentamente muovendo verso un futuro in cui tutti i diversi dispositivi e sensori intelligenti nelle nostre case lavorano insieme al fine di migliorare la nostra vita. Per sfruttare al meglio gli aspetti migliori del tuo termostato intelligente, devi installare l’app relativa, configurare gli account necessari e collegare il termostato alla tua casa intelligente.

In questo modo si apre un mondo di possibilità da quelle più semplici, come controllare il termostato da uno smart display in cucina oppure l’integrazione del termostato in routine più complesse come quelle offerte da IFTTT.

Approfitta della modalità Away

La modalità Away (o con un nome simile, a seconda del modello in uso) è strettamente correlata alla funzione di pianificazione intelligente. Uno degli aspetti negativi degli orari prestabiliti e dei termostati programmabili vecchio stile è che, sebbene fossero un miglioramento rispetto alla regolazione manuale, non si adattavano automaticamente al nostro stile di vita.

I termostati intelligenti offrono un sistema adattivo in cui la casa viene riscaldata e raffreddata non in base a un programma o a un’impostazione manuale, ma in base alla presenza fisica in casa, come abbiamo già accennato.

Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma facciamo un semplice esempio. Diciamo che con un vecchio cronotermostato si impostano le temperature di sabato e domenica per riscaldare le stanze a metà giornata perché si prevede di essere a casa nel fine settimana.

In questo contesto, dovresti ricordarti di agire sul termostato ogni volta che finisci per andare da qualche parte il sabato pomeriggio. Molto probabilmente, in queste condizioni, finiresti spesso per dimenticarti di agire sul dispositivo, con relativo dispendio di energia quando sei fuori casa.

Ma con il rilevamento della presenza in casa di uno o più membri della famiglia, il tuo termostato intelligente può regolare automaticamente la temperatura. Non è necessario alcun input da parte tua.

I termostati che supportano questa funzione in genere hanno un sensore di movimento integrato nella parte anteriore del dispositivo. Di solito c’è anche la possibilità di utilizzare il geofencing con il tuo smartphone: il termostato intelligente utilizzerà la presenza del tuo telefono per determinare se la casa è occupata o meno.

Termostato ecobee 4

Utilizzare la circolazione intelligente della ventola e le regolazioni dell’umidità

Il nome delle funzioni varia da marca a marca, ma la maggior parte dei termostati intelligenti ha una serie di funzionalità di efficienza e comfort relative all’ottimizzazione del flusso d’aria e all’umidificazione (o deumidificazione) del tuo spazio abitativo.

Cerca tra le impostazioni le opzioni che fanno funzionare la ventola per un periodo di tempo dopo ogni ciclo di riscaldamento o raffreddamento per aiutare a far circolare l’aria e uniformare la temperatura nella tua casa.

Di solito ci sono anche opzioni per raggiungere gli obiettivi di deumidificazione in estate e gli obiettivi di umidificazione in inverno per mantenere confortevole il tuo spazio abitativo in qualunque contesto.

Non dimenticare i sensori intelligenti

I sensori intelligenti non sostituiscono un vero sistema HVAC multizona, ma offrono abbastanza vantaggi che vale la pena esaminare nel contesto del tuo termostato smart.

Alcuni sensori funzionano come sensori di temperatura e umidità aggiunti per estendere le potenzialità del termostato. Molti dei termostati smart Ecobee, per esempio, vengono forniti con un sensore aggiuntivo che consente una gestione avanzata del clima dell’abitazione.

Questi prodotti non solo monitorano le condizioni della stanza, il che è utile se vuoi assicurarti che una stanza particolare rimanga più confortevole delle altre ma anche nel contesto di presenza o meno nell’abitazione di un membro o più della famiglia.

In altri casi, i sensori sono più limitati ma comunque utili. Alcuni prodotti, per esempio, integrano sistemi come rilevatori di fumo.

Attiva l’ottimizzazione della temperatura percepita

Potresti aver notato che la tua app meteo preferita o la tua stazione di notizie locale usa termini come “temperatura percepita” quando descrivi le condizioni meteorologiche. Quelle letture della temperatura, utilizzano variabili come gradi effettivi, l’umidità, la velocità del vento e altri particolari per darti un’approssimazione di come si sente effettivamente il clima esterno invece della semplice lettura della temperatura.

Alcuni termostati intelligenti hanno una caratteristica simile, ma funziona, più o meno, al contrario. Con la funzione Temperatura Percepita (o dal nome simile, a seconda del modello specifico) puoi agire non solo sui gradi, ma anche sull’umidità interna dell’abitazione.

Calcolando che l’afa è data più che altro dall’umidità, è possibile agire creando un ambiente più secco senza dover impegnare troppa energia per abbassare solamente i gradi.

Abilita Risparmio energetico per il tempo di utilizzo

Viste le bollette sempre crescenti, gestire al meglio i consumi è ormai d’obbligo per chiunque. In questo senso esistono diversi approcci proposti dai termostati nell’ambito del risparmio energetico.

Alcuni termostati, come quelli della già citata linea Ecobee, offrono piani di risparmio del tempo di utilizzo controllati dall’utente. Puoi abilitare un’impostazione che indicherà al tuo termostato intelligente di ottimizzare i consumi..

Ad esempio, il tuo termostato potrebbe raffreddare la tua casa di notte per evitare di far funzionare l’aria condizionata quando i costi energetici sono al massimo nel bel mezzo della giornata.

Dai un’occhiata ai rapporti sull’energia e sull’utilizzo del dispositivo

Storicamente, era davvero difficile tenere traccia di dati e statistiche sul tuo vecchio sistema HVAC e dei relativi consumi. I termostati classici o mancavano di qualsiasi metrica di tracciamento o, se presenti, sarebbero stati difficili da consultare su un piccolo display LCD per ottenere alcune informazioni di base e di utilità limitata.

I termostati intelligenti, tuttavia, offrono un feedback molto più sofisticato: non solo imparano e si adattano silenziosamente al contesto in cui lavorano, ma puoi anche guardare i rapporti per vedere se il tuo utilizzo sta aumentando o diminuendo. Puoi anche correlare più facilmente quei dati con le modifiche che hai apportato alla tua abitazione.

Ad esempio, se si montano tende oscuranti isolanti o se hai acquistato nuove finestre, è possibile confrontare facilmente il consumo di energia attuale rispetto al periodo precedente.

Tado Termostato Intelligente V3+

Usa promemoria e avvisi

Parlando di problemi su cui indagare, i termostati intelligenti sono molto più bravi nell’aiutarti a identificare problematiche rispetto ai modelli più classici.

Ad esempio, se hai un termostato Nest o un prodotto con funzionalità simili, monitorerà i risultati e ti avviserà se accadono eventi imprevisti. Se, ad esempio, il termostato richiama l’aria condizionata e lo fa funzionare per un tot di ore al giorno e la temperatura della casa non cambia come previsto, riceverai un avviso che qualcosa non va.

Forse il problema è facilmente risolvibile, per esempio, se i tuoi figli hanno lasciato un sacco di finestre aperte. Forse è più serio, come perdite o altri guasti. In ogni caso, questa segnalazione ti sarà utile. Puoi anche impostare avvisi di alta e bassa temperatura, avvisi di umidità e persino promemoria di manutenzione.

Abilita gli avvisi di servizio del rivenditore

Sebbene gli avvisi generici siano ottimi, esiste una funzione ancora più avanzata di cui puoi sfruttare le grandi potenzialità, sempre a patto che il tuo termostato smart la supporti.

Alcuni termostati infatti offrono avvisi legati al produttore, che ti permettono di collegare il tuo termostato all’azienda che fornisce assistenza al tuo sistema HVAC. In questo caso, oltre a darti un avviso che qualcosa non va nel tuo termostato, il sistema può anche inoltrare automaticamente il rapporto relativo all’errore.

Invece di dover capire cosa significa l’errore o programmare una chiamata per farlo esaminare di persona da un tecnico, lo stesso può controllare la situazione da remoto e prepararsi meglio a risolvere il problema sul posto.

Fonte: Howtogeek.com

Potrebbero interessarti
Dispositivi smartDomotica

Siri: 6 principali motivi per cui non è intelligente come Alexa

Dispositivi smartDomoticaIntrattenimento

6 funzionalità di Alexa per lavorare da casa

Dispositivi smartDomotica

Suggerimenti e trucchi per usare al meglio Google Home

Dispositivi smartDomotica

5 motivi per non usare Apple HomeKit