IntrattenimentoTempo liberoVideo

Come trasformare la TV in Smart TV

Perché trasformare la TV in Smart TV? Negli ultimi anni, la vecchia concezione di televisore è stata soppiantata da dispositivi decisamente più avanzati. Tramite essi, è possibile avere maggior controllo sui contenuti audio-video.

Le Smart TV permettono, tra le altre cose, di poter vedere contenuti in streaming, appoggiandosi a servizi come YouTube o Netflix. Più genericamente, questa soluzione tecnologicamente avanzata permette di navigare sul web e sui social network, fruendo di contenuti che fino a pochi anni fa erano prerogativa dei computer.

Un dispositivo di questo tipo inoltre, essendo relativamente recente, spesso si avvale di tecnologie avanzate (si parla, nella maggior parte dei casi, di televisori LED) e di risoluzioni elevate e in 4K. Ovviamente, questo tipo di apparecchio necessità di una connessione alla rete che, può avvenire tramite cavo o direttamente attraverso la compatibilità con la tecnologia WiFi.

L’introduzione delle Smart TV sul mercato però, ha creato una sorta di divario tecnologico. Da una parte vi è chi non vuole cambiare dispositivo, convinto di avere comunque un televisore piuttosto valido. Dall’altra vi è chi si è gettato a capofitto in questo settore, godendo pienamente dei contenuti offerti dalla rete. In realtà, come vedremo in questo articolo, esiste un modo per poter trasformare la TV in Smart TV senza dover per forza cambiare apparecchio.

Chromecast

Trasformare la TV in Smart TV: come trasformare il proprio televisore

Facciamo una piccola premessa. Appare piuttosto ovvio che una Smart TV è dotata di funzioni e caratteristiche che la rendono sempre e comunque migliore rispetto a un prodotto semplicemente “adattato”. Nonostante ciò, chi è particolarmente affezionato a l proprio televisore o chi non intende spendere centinaia e centinaia di euro per aggiornarsi, può rimboccarsi le maniche e trovare una soluzione temporanea e non del tutto completa.

Come vedremo nelle seguenti righe, in realtà si tratta di un tipo di operazione piuttosto semplice. Sul mercato infatti, esistono numerosi prodotti capaci di trasformare un comune televisore in Smart TV. Non solo: molti di questi funzionano anche sui comuni monitor da computer, trasformando anch’essi in vere e proprie stazioni multimediali. Andiamo dunque nello specifico, elencando strumenti e metodi per ottenere un dispositivo smart.

Chromecast, la soluzione firmata Google

Google Chromecast

Non potevamo cominciare la lista di prodotti senza citare Chromecast, prodotto offerto direttamente da Google. Si tratta di un dispositivo appositamente ideato per inviare al televisore audio e video attraverso un dispositivo mobile, grazie alla tecnologia WiFi. Di fatto, è un oggetto piuttosto piccolo ma al contempo potente, che va connesso alla TV attraverso cavo HDMI (dunque è importante sapere se il proprio televisore è dotato o meno di questa tipologia di presa).

Una volta che Chromecast è fisicamente collegato al televisore, è necessario collegare il dispositivo, attraverso l’app Google Home, al proprio dispositivo mobile. La procedura, in tal senso, varia da prodotto a prodotto, pur rimanendo nel complesso piuttosto semplice. Una volta fatto ciò, è possibile riprodurre i contenuti da smartphone a televisore con estrema facilità. Alcuni modelli di Chromecast sono dotati persino di un pratico telecomando, il che rende ancora più semplice la gestione della “nuova” Smart TV.

Quanto offerto da Google, è una soluzione semplice, pratica e dal costo piuttosto contenuto. Chromecast, di fatto, è una delle migliori soluzioni per chi vuole trasformare la TV in Smart TV. Chromecast si può acquistare a 39 euro sullo store Google.

Fire TV Stick, la risposta di Amazon

Fire TV Stick

Con Google che scende in campo nel settore, anche Amazon non poteva fare a meno di rispondere con un suo prodotto. In questo caso, parliamo di Fire TV Stick.

Si tratta di un dispositivo appositamente ideato per essere controllato vocalmente da Alexa, anche con l’ausilio di un particolare telecomando che differenzia questo strumento da tutti gli altri presenti in lista. Fire TV Stick permette all’utente di fruire di innumerevoli servizi online come Prime Video, Netflix, YouTube, DAZN, Infinity, RaiPlay e tanti altri servizi a pagamento e non.

Anche in questo caso l’installazione prevede una procedura estremamente semplice. Basta collegare Fire TV Stick al televisore e a una fonte di energia elettrica per poi controllare il suo funzionamento tramite telecomando e funzioni vocali.

Apple TV, per gli amanti della mela

Apple TV

Anche l’ecosistema Apple ha voluto offrire ai propri utenti una soluzione in questo senso. Nello specifico, il colosso di Cupertino, propone ai suoi affezionati clienti Apple TV, dispositivo che permette di avere accesso a diversi contenuti multimediali direttamente sul proprio televisore.

Ovviamente, si tratta di uno strumento in grado di integrarsi alla perfezione con un ecosistema Apple, appoggiandosi esclusivamente ad altri prodotti che riportano questo marchio. Al di là di questo limite piuttosto prevedibile, Apple TV si dimostra un degno avversario rispetto a Chromecast e alle altre opzioni proposte in questa lista. La procedura per far funzionare il sistema è piuttosto semplice. Apple TV va collegato a un qualunque televisore dotato di presa HDMI e, al contempo, a una presa elettrica. Dunque è possibile effettuare una configurazione preliminare che, nella maggior parte dei casi, si risolverà con poche e semplici operazioni. Fatto ciò, l’utente può godersi pienamente quanto offerto da questo dispositivo così avanzato.

Da sottolineare come Apple TV, al momento dell’acquisto, è fornito con un telecomando. Sia lo strumento che il telecomando sono caratterizzati dal design accurato che caratterizza qualunque prodotto proposto sul mercato da Apple. Sul mercato sono disponibili due distinte versioni: una che supporta l’HD e l’altra che si spinge fino ai 4K.

Now TV Smart Stick

Now TV stick

Con Now TV Smart Stick andiamo a definire un prodotto che, seppur funzionale, si indirizza prettamente verso gli abbonati dell’omonimo servizio di Sky. Si tratta di un dispositivo accompagnato da un telecomando. Esso va collegato sia al televisore che a un alimentatore per quanto riguarda la corrente.

Tra le caratteristiche interessanti di Now TV vi è il fatto che il dispositivo in questione può essere collegato al router direttamente tramite cavo Ethernet. Per chi ha difficoltà ad avere una rete fluida attraverso il Wi-Fi dunque, questa soluzione appare come a dir poco apprezzabile. Come già accennato però, non si tratta di un TV Box in grado di offrire grande libertà d’azione: l’utilizzo di Now TV è infatti limitato all’abbonamento con il suddetto servizio.

Raspberry Pi, per gli smanettoni

Chi invece è appassionato di fai da te, può fare un passo oltre. Grazie alle immense possibilità offerte da Raspberry Pi infatti, è possibile realizzare in totale autonomia il proprio dispositivo per trasformare la TV in Smart TV.

Il procedimento per ottenere un risultato simile ai precedenti prodotti illustrati è decisamente più lungo e complesso anche se, per chi ha una dimestichezza con Raspberry Pi, tutto ciò rappresenta una sfida avvincente. Ovviamente è possibile adattare il proprio sistema per ricevere input direttamente dallo smartphone, trasformandolo di fatto in un telecomando, oppure acquistare una tastiera wireless a parte per realizzare una sorta di mini-computer.

Altre soluzioni

Non solo solo Google, Amazon e Apple ad offrire soluzioni valide per quanto concerne la conversione di un televisore tradizionale in smart TV. Sull’onda del successo di questo mercato infatti, sono numerosi i prodotti proposti da varie aziende più o meno famose.

Tra i tanti dispositivi proposti, figura anche una categoria a sé stante come i Box TV, dei mini computer con un sistema operativo Android in grado di trasformare il televisore in uno strumento multimediale avanzato. Il tutto si può poi abbinare anche con dei lettori Blu Ray 4K.

Rimanendo però focalizzati su questa tipologia di oggetti, possiamo citare delle alternative più che valide alle soluzioni suddette.

EZCast Wireless WiFi Display

EZCast Wireless WiFi Display

Con EZCast Wireless WiFi Display parliamo di un altro dongle da collegare alla porta HDMI del proprio televisore. A dispetto del prezzo estremamente basso però, quanto proposto da Yehua si rivela una più che valida alternativa a prodotti dal nome più altisonante.

Ciò che spicca immediatamente agli occhi dell’utente è la piena compatibilità sia con Echo Dot che con Google Home Assistant e Alexa. Ciò fa EZCast Wireless WiFi Display una soluzione particolarmente apprezzata da chi è dotato di una smart home. Scendendo nei dettagli tecnici, il dongle di cui stiamo parlando è dotato di una grande compatibilità anche per quanto concerne i sistemi operativi. Nello specifico si parla di Android 4.4 (o superiore), iOS 9.0 (o superiore), macOS 10 (o superiore), Windows 8.1 (o superiore). Il dispositivo supporta l’uscita video 4K / 1080P e permette la riproduzione di effetti sonori di alta qualità. È possibile collegare lo stesso a un PC, a uno smartphone, a TV, proiettori o riproduttori di video/audio/foto.

In conclusione EZCast Wireless WiFi Display si rivela un dispositivo estremamente funzionale, capace di rivaleggiare con prodotti ben più famosi.

Kingbox Miracast

Kingbox Miracast

Un’altra soluzione alternativa, ma non per questo motivo da tenere in minor considerazione, è offerta da Kingbox Miracast. L’ennesimo prodotto che consente di utilizzare una comune televisione come smart TV, si propone per fornire contenuti video in risoluzione 4K, con prestazioni di livello decisamente elevato. Lo strumento in questione supporta qualunque tipo di linea Wi-Fi, permettendo una trasmissione fluida dei dati, utile sia per divertimento, sia per conferenze e simili.

Anche Kingbox Miracast offre un ottimo livello di compatibilità, visto che il prodotto supporta Miracast/Airplay/DLNA e risulta pienamente compatibile con Windows XP/7/8,1/10, MacOS, Android 4,2 e versioni successive. Grazie all’apposita app per mobile, disponibile sia su Google Play che su App Store, è possibile avere il pieno controllo sul dispositivo e sul televisore da esso controllato.

Leelbox Chromecast

Leelbox Chromecast

Concludiamo con la terza alternativa, ovvero Leelbox Chromecast. Nonostante il nome faccia pensare a un semplice “surrogato” di quanto proposto da Google, in realtà si tratta di un dispositivo piuttosto valido nel suo campo. Al di là del design meno rotondeggiante degli altri modelli, esso propone una risoluzione da 1080p.

Capace di supportare Miracast/Airplay/DLNA, Dongle display Wifi compatibile con più sistemi, e diversi sistemi tra cui Windows XP (e successivi), Android 4,2 (e successivi) nonché MacOS, Android 4,2, presenta qualche piccolo limite legato al copyright con Netflix, in alcuni casi. Per quanto riguarda il resto però, Leelbox Chromecast offre un tipo di esperienza pressoché identica rispetto agli altri prodotti sinora elencati.

Il dongle, di dimensioni ridotte, risulta facile da trasportare e utilizzabile anche per riunioni di lavoro, presentazioni o nell’ambito scolastico.

CANALE TELEGRAM_CASAHITECH

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
Potrebbero interessarti
Consigli per gli acquistiIntrattenimento

Migliori accessori per la TV per un'esperienza video completa

IntrattenimentoVideo

Guida all'acquisto della TV: come trovare il miglior prodotto

IntrattenimentoTempo libero

Le migliori bottiglie e borracce smart del 2019

AudioIntrattenimento

5 migliori Home Theatre e guida all'acquisto