AudioGuide e How-ToIntrattenimento

Come usare al meglio un giradischi: guida e consigli

Giradischi

I giradischi sono oggi dei prodotti sempre più scelti dagli utenti di tutto il mondo, che vorrebbero gustare la propria musica preferita con un’ottima qualità del suono grazie ai vinili. Potrebbero sembrare dei dispositivi complessi da utilizzare, ma con un po’ di attenzione il tutto risulterà estremamente semplice.

Un giradischi moderno

I giradischi sono dei dispositivi che consentono agli utenti di ascoltare la propria musica preferita grazie all’ausilio degli LP (o 33 giri).

Abbiamo già parlato dei migliori giradischi attualmente disponibili nel mercato, oggi esploreremo invece alcune indicazioni e consigli che ti permetteranno di sfruttare al massimo questa tecnologia.

Giradischi: un ritorno al passato

Questo riproduttore era già considerato obsoleto alla fine degli anni’80, ma il ventunesimo secolo ha acceso un rinnovato amore dei numerosi appassionati di musica, forse per il suono inconfondibile e per il loro design vintage.

Questi prodotti sono perfetti sia per gli utenti che hanno vissuto in prima persona il ventesimo secolo, che vorrebbero magari sostituire il proprio giradischi oramai avanti con l’età, che per i nuovi entrati in questo mondo, desiderosi di scoprire la propria musica preferita. Per evitare di danneggiare il dispositivo e per non sbagliare, sarebbe consigliato seguire alcune semplici procedure.

Com’è fatto un giradischi

Prima di tutto, è essenziale conoscere gli elementi che compongono un giradischi moderno, che presenta delle differenze rispetto a quelli del passato. Oggi scopriremo i componenti principali presenti negli odierni giradischi in commercio.

LP

Un vinile

Un LP degli anni ’70: “The Dark Side of the Moon”, il successo dei Pink Floyd.

Ascoltare musica in digitale, dagli MP3 alle moderne piattaforme di streaming come Spotify, garantisce una qualità abbastanza alta e una grande semplicità d’uso. Molti produttori hanno però resuscitato i vecchi LP. Questo, chiamato anche 33 giri, è il formato standard del disco in vinile. Su di esso, riconosciuto dal suo tipico colore nero, vengono salvati i dischi in modo analogico. La sua velocità di rotazione è pari a 100 giri completi ogni 3 minuti.

Il piatto

Il piatto del giradischi

Il “piatto” è l’area in cui collocare il disco stesso. Più il piatto è pesante e più la qualità sarà alta.

Il piatto è un elemento immediatamente visibile in un giradischi. Esso è il punto in cui viene collocato il disco. Più questo piatto è pesante e più il suono ha una qualità alta. Esistono due diverse tipologie di giradischi:

  • A cinghia: il piatto e il motore sono collegati direttamente, la qualità è quasi sempre più alta ed è quindi la tipologia consigliata.
  • A trazione diretta: il piatto ruota grazie a una cinghia collegata a un motore.

Tappetino (o “mat”)

Il tappetino è una parte meno visibile, ma importante. Essa consente di ridurre notevolmente le eventuali vibrazioni causate dal motore o i rumori della stringa. Per evitare possibili danni, è importante che il “mat” sia saldamente inserito nel dispositivo.

Il braccio, il contrappeso e l’antiskating

Il braccio di un giradischi

Il “braccio” è l’elemento del giradischi che permette agli utenti di far partire la riproduzione musicale. In una delle estremità troviamo la punta, che entrerà poi in contatto con il disco.

Tra tutti gli elementi, il braccio è sicuramente quello più conosciuto dagli utenti. Esso ingloba la puntina e consente agli ascoltatori di far entrare in contatto quest’ultima con il disco. Nel braccio viene anche inserito un contrappeso regolabile, con cui poter scegliere la pressione da esercitare sul disco. Per evitare che la cartuccia si muova verso la superficie del disco, i produttori inseriscono spesso l’antiskating, che può anche essere magnetico.

La puntina

La puntina è l’elemento che tocca il disco stesso. Essa è composta da materiali ben precisi e la pressione esercitata deve essere quella corretta.

Giradischi: i consigli per usarlo al meglio

Questo dispositivo è molto delicato e anche un piccolo errore potrebbe compromettere la sua qualità. In questa sezione ti spiegheremo come ottenere la migliore qualità del suono utilizzando un giradischi.

Rispetta il disco

I dischi da 33 giri devono essere maneggiati con cura. Stai quindi attento a non farli cadere o esporli a una quantità eccessiva di calore. Rovinare gli LP è purtroppo molto semplice, basta infatti anche un piccolo graffio. Tocca solo ed esclusivamente la parte sterna, che ha un colore più scuro rispetto al resto del 33 giri.

In una superficie piana

Il giradischi dovrà essere posizionato in una superficie perfettamente piana. In questo modo, farai in modo che lo stress sul disco, sul motore e sulla puntina diminuisca notevolmente, allungando anche la vita del dispositivo. Regola correttamente il braccio e il contrappeso.

Una superficie ideale è l’apposito appoggio utilizzato specialmente con i giradischi del passato. Si tratta di un semplice mobile con una base piana e abbastanza solida.

I dischi 78 giri

I dischi a 78 giri, utilizzati specialmente nella prima metà del XX secolo, sono costituiti da un materiale diverso rispetto al 33 giri, ovvero la gommalacca. Sarà necessario utilizzare delle apposite testine, per evitare di danneggiare irrimediabilmente il disco.

Proteggilo dalla polvere

Quando non lo utilizzi, ricorda sempre di coprire il giradischi. Puoi utilizzare il coperchio di plastica. Il motivo è semplice: dovrai proteggerlo dalla polvere che potrebbe danneggiare il delicato dispositivo realizzato per leggere gli LP.

Attenzione ai giradischi compatti

I giradischi compatti, caratterizzati da un prezzo più contenuto e da dimensioni meno importanti, sono perfetti per i giovani che si interfacciano a questo mondo. Sono però sconsigliati per coloro i quali hanno dei dischi particolarmente costosi. Sarebbe consigliabile evitare di utilizzare questi giradischi per gli LP storici, molto costosi e per i pezzi “unici”.

Come utilizzare un giradischi

Dopo aver appreso queste linee guida, potrai iniziare a utilizzare il giradischi e ascoltare la tua musica preferita. Come prima cosa, solleva il coperchio di plastica, ovviamente se presente. Ricorda di chiuderlo nuovamente durante la riproduzione.

Assicurati che sul piatto sia presente il “mat”, che ti garantirà che la puntina e il disco non siano costretti a subire un forte stress meccanico. Qualora questo tappetino dovesse essere assente, ti consigliamo di procurartene uno.

Afferra il disco, toccando solo ed esclusivamente i bordi del tuo LP. Posiziona il 33 giri sul piatto, facendo attenzione che il perno si inserisca nel “foro” del vinile. Quest’ultimo dovrà inoltre essere perfettamente poggiato sul piatto. A questo punto dovrai far partire il motore. In base al modello del tuo giradischi, potrai trovarti davanti a tre diverse prospettive:

giradischi

  • Automatico, quando il meccanismo parte senza che l’utente compia qualche azione;
  • Con velocità regolabile, è possibile scegliere l’intensità della rotazione (solitamente tra “Off”, “33 rpm” e “45 rpm”);
  • Con velocità fissa.

Dopo che il motore sarà partito, dovrai alzare il braccio, portarlo sopra il disco e poggiare la puntina nella parte esterna del tuo LP. Si tratta dell’are più scura, in cui non sono conservati i dati. Sentirai un particolarissimo suono.

Quando avrai finito di ascoltare la musica, potrai rimuovere il braccio e collocare nell’apposito appoggio, subito prima di rimuovere anche lo stesso LP.

La musica del passato con il giradischi

A questo punto, dovresti conoscere le indicazioni e i consigli che ti consentiranno di utilizzare il tuo giradischi e di gustare la tua musica preferita. Se stai ancora scegliendo il prodotto da acquistare, ti consigliamo i seguenti:

Non perderti i nostri approfondimenti sulla casa, domotica ed elettrodomestici, segui il nostro canale Telegram: t.me/casahitech
banner telegram offerte
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
About author

Nato a Catania, sin dall'età più tenera ho un forte legame con l'informatica, il mondo del cinema e l'arte. Gli studi che ho deciso di intraprendere (Arti Tecnologiche) mi hanno permesso di accrescere queste passioni. Scrivo di tecnologia, cercando di far appassionare i lettori a questi argomenti. Sono attratto da tutto ciò che è tecnologico o artistico; non posso fare a meno che immergermi nella musica rock.
Potrebbero interessarti
Guide e How-ToIntrattenimentoVideo

Cosa sono le TV Mini-LED? Cosa cambia rispetto ai Micro-LED?

AudioGuide e How-ToIntrattenimento

Come collegare le cuffie Bluetooth al televisore e migliori prodotti

Consigli per gli acquistiIntrattenimentoVideo

Le Migliori TV 4K del 2020: Guida all'acquisto delle TV UltraHD

AudioGuide e How-ToIntrattenimento

Come collegare e posizionare una soundbar | Guida