Aspirapolveri e puliziaElettrodomesticiRecensioni

Recensione Ultenic T10: il robot aspirapolvere definitivo

Recensione Ultenic T10 comn base di svuotamento


Ultenic T10 si presenta come il robot aspirapolvere col migliore rapporto qualità-prezzo sul mercato. Il T10 di Ultenic è un elettrodomestico ben costruito, dotato di un’ottima potenza di aspirazione e di un sistema di navigazione avanzato che garantisce la pulizia di tutte le superfici, alle ottime caratteristiche si aggiungono la funzione lavapavimenti ed una base di ricarica che consente lo svuotamento automatico del serbatoio raccogli polvere.

Ho utilizzato Ultenic T10 per più di un mese per le pulizie di casa ed i risultati sono stati davvero entusiasmanti. Nella recensione di Ultenic T10 vi spiego i dettagli tecnici e costruttivi di questo ottimo elettrodomestico e vi spiego perché ad oggi è uno dei migliori robot aspirapolvere per rapporto qualità-prezzo attualmente sul mercato.

Videorecensione: semplicemente BEST BUY!

Cosa c’è nella scatola – Confezione e accessori

confezione e accessori Ultenic T10

La scatola di Ultenic T10 arriva protetta da uno scatolone, al suo interno troviamo una dotazione di componenti ed accessori assolutamente completa. Nella scatola troviamo:

  • robot aspirapolvere
  • base di svuotamento e ricarica
  • serbatoio lavapavimenti con panno
  • panno lavapavimenti sostitutivo
  • telecomando con batteria
  • spazzola laterale sostitutiva
  • blocco filtri sostitutivo
  • cavo di alimentazione
  • 3 sacchetti per la polvere
  • manualistica
  • spazzolina per la manutenzione

Sono rimasto davvero molto soddisfatto della dotazione di accessori. La presenza del panno lavapavimenti aggiuntivo, dei filtri di ricambio e della spazzola laterale aggiuntivi sono piacevoli aggiunte e ci permettono di estendere la vita del prodotto e di poterlo utilizzare per anni senza dover acquistare ricambi.

Primo avvio e configurazione

Una volta rimosse le pellicole e le protezioni in gomma si può iniziare la configurazione iniziale del robot aspirapolvere in modo da prepararlo per l’utilizzo. Per la configurazione iniziale si può seguire il manuale di istruzioni che spiega tutti i passaggi in maniera chiara e dettagliata.

Il primo step è quello di scegliere dove posizionare la base di ricarica e procedere col collegamento del cavo di alimentazione. In fase di posizionamento va tenuto un po’ di spazio, almeno mezzo metro su ogni lato, in modo da permettere al robot aspirapolvere di fare senza problemi le manovre necessarie per il parcheggio.

Una volta piazzata la base possiamo procedere col primo avvio del robot aspirapolvere. Iniziamo, anzitutto, con l’accensione premendo il relativo pulsante fisico sulla parte alta del robottino. Procediamo poi con il download dell’app Ultenic, disponibile per Android ed iOS. Una volta installata l’applicazione è necessario creare un account e poi selezionare la voce aggiungi dispositivo. Basta seguire i passaggi a schermo per completare tutta la procedura in meno di 5 minuti.

Va precisato che per utilizzare l’app è necessario avere una connessione WiFi 2,4 GHz, il robot infatti non è compatibile con le reti a 5 GHz. Alternativamente potete decidere di utilizzare solitamente il telecomando ma andando a perdere molte delle funzionalità avanzate del prodotto.

Costruzione e design

paraurti Ultenic T10

Ultenic T10 ricorda da vicino il cugino Proscenic M7 Pro (Ultenic è un brand del gruppo Proscenic) e si conferma essere un robot aspirapolvere solido, ben costruito e caratterizzato da un design molto piacevole.

Il design, come dicevo, è molto piacevole e si caratterizza per la combinazione di plastica bianche, lucide ed opache, con l’inserto di qualche dettaglio grigio che rendono il dispositivo molto sobrio. Il colore bianco è particolarmente facile da abbinare e non avrete mai problemi nel posizionarlo all’interno di ogni tipologia di arredamento.

La qualità costruttiva è eccellente e si basa su ottimi materiali plastici che lo rendono un elettrodomestico solido e resistente. Nel corso del mese di test mi è caduto da un’altezza di un metro e mezzo mentre stavo effettuando alcune foto per questa recensione e non ha riportato nessun danno, quindi la solidità del prodotto è garantita. Le dimensioni sono nella media, parliamo di un robot aspirapolvere di 350 x 350 x 9,8 mm, misure che gli consentono di muoversi agilmente all’interno della nostra abitazione e di arrivare ad infilarsi senza problemi sono a mobili, letti e divani di media altezza. Se avete la necessità di pulire sotto i mobili valutate attentamente l’altezza del device in fase di acquisto. T10 pesa 3,6 kg e non risulta quindi un prodotto leggero, ma dato il funzionamento autonomo la stazza non risulta essere un problema.

componenti interni e aspirazione Ultenic T10

I dettagli costruttivi sono quelli classici. Nella parte frontale troviamo un paraurti con una barra morbida in silicone che protegge oggetti e robot stesso in caso di urti. Va sottolineato che la navigazione è eccellente quindi non dovrete preoccuparvi di scontri e urti, ma nel dubbio è sempre meglio avere il paraurti frontale. Nella parte superiore si trovano i due tasti fisici: uno per l’accensione e lo spegnimento e l’altro per il ritorno alla base. Al centro del robot svetta la torretta con i sensori che vanno a scansionare a 360 gradi la nostra casa per poterne creare la mappatura, misurare le distanza ed evidenziare oggetti da evitare. Sul lato troviamo la bocchetta di aspirazione per l’uscita dell’aria ed uno speaker dal buon volume massimo. Nella parte posteriore è posizionato il serbatoio, di cui parlo più avanti nella recensione.

Internamente troviamo due ruote dentellate ammortizzare, la ruota per la navigazione e i sensori anti caduta. Oltre a questi c’è una spazzola laterale, la spazzola principale e gli slot per agganciare il mocio lavapavimenti.

All’interno del serbatoio troviamo un filtro a 3 stadi che comprende anche un filtro HEPA in grado di filtrare e pulire l’aria in uscita in modo da avere un’aria in casa fresca e pulita.

Motore e spazzole

spazzola principale Ultenic T10

All’interno della bella scocca in plastica, Ultenic T10 monta un ottimo motore capace di offrire una potenza di aspirazione eccellente che arriva a 3000 PA, contro la media del settore che si aggira attorno ai 2500. Il motore è quindi capace di garantire una efficace aspirazione di polvere, sporco e detriti, anche quelli più pesanti, e ci consente di avere dei pavimenti puliti ed aspirati in maniera perfetta con una sola passata.

Al validissimo motore si affiancano due buone spazzole. La spazzola laterale ha la forma classica con 3 file di setole che hanno il compito di convogliare lo sporco e la polvere verso la zona centrale del robot. Al centro del corpo motore trova posto la spazzola centrale composta da 3 strisce di silicone e 3 strisce di setole che vanno a creare un eccellente sistema di raccolta della polvere dai pavimenti.

Il lavoro combinato delle spazzole e del motore ci garantisce una eccellente raccolta della polvere e della sporcizia dal pavimento e ci consente di avere dei pavimenti puliti in maniera impeccabile con una singola passata.

Il motore di Ultenic T10 risulta mediamente rumoroso, generalmente in linea con quello di tutti i prodotti di questo tipo. Con l’intensità minima, ce ne sono 4, riuscirete ad ascoltare la TV senza particolari problemi ed il brusio di fondo non risulterà mai fastidioso, alla massima potenza invece si sprigiona tutta la potenza di aspirazione con una rumorosità più elevata ma mai assolutamente disturbante o fastidiosa.

Utilizzo e pulizia

filtro e serbatoio Ultenic T10

Al fine di testarlo al meglio, vista anche le tante funzionalità del prodotto, ho deciso di montare Ultenic T10 in salotto e di utilizzarlo come unico robot aspirapolvere per un intero mese, sia per l’aspirazione quotidiana dello sporco che per lavare i pavimenti. Dopo i tanti test e tutte le prove vi posso dire che sono assolutamente soddisfatto della pulizia dei pavimenti grazie ad una valida mappatura ed all’ottima potenza di aspirazione che garantiscono una raccolta della quasi totalità della polvere.

Il sistema di aspirazione, che prevede il lavoro combinato di spazzole e motore aspirante, è praticamente perfetto. La spazzola laterale riesce a raggiungere senza problemi i bordi dei pavimenti andando a pulire fino al battiscopa, qualche incertezza sugli angoli che però vengono puliti ed aspirati molto bene.

Personalmente l’ho testato su superfici differenti, in particolare cotto e laminato, e posso affermare che i risultati sono stati molto soddisfacenti. Le setole morbide oltretutto lo rendono perfetto anche per pavimenti più delicati come potrebbero essere quelli in parquet. Il funzionamento è perfetto anche sui tappeti, nel mio caso l’ho testato su un tappeto a pelo corto e l’aspirazione è stata molto buona. Il robot è in grado di rilevare la presenza dei tappeti ed aumenta automaticamente la potenza di aspirazione, piccola caratteristica tecnica che ho trovato molto utile e che ci consente di avere una casa più pulita.

Le ruote dentellate ammortizzate consente ad Ultenic T10 di affrontare piccoli scalini, fino a due centimetri, ed è quindi in grado di arrampicarsi sopra ai tappeti più alti e supera senza problemi gli stacchi dei pavimenti in laminato.

Nel corso di questo mese ho utilizzato la programmazione per l’avvio automatico dell’aspirazione mentre ero a lavoro, con questa modalità di utilizzo sono riuscito a mantenere impeccabili i miei pavimenti. Infatti, grazie alla buona aspirazione e alla mappatura, il robot aspirapolvere riesce a raccogliere efficacemente tutta la polvere dai nostri pavimenti con una sola passata e questo ci consente di avere una casa più pulita e sana.

Il ritorno alla base di ricarica avviene in maniera precisa e non ho riscontrato problemi. Durante i test il robottino aspirapolvere di Ultenic è sempre ritornato a casa senza perdersi e non mi ha mai dato problemi in fase di parcheggio.

Ho trovato particolarmente comoda la possibilità di comandarlo tramite Alexa e Google Assistant, funzione che evita quindi di dover ricorrere all’applicazione o al telecomando. Quest’ultimo torna però molto utile a chi non ha una connessione a casa e non vuole rinunciare all’efficienza di un robot aspirapolvere. Dal telecomando si riescono a gestire tutte le funzionalità di base del prodotto, si perde qualche possibilità di personalizzazione ma niente di problematico.

Funzione lavapavimenti

Recensione Ultenic T10 con accessorio lavapavimenti

Il serbatoio, di cui parlo sotto, ha una struttura ibrida che gli consente di raccogliere la polvere e di ospitare l’acqua (possibilmente bollente) per lavare i pavimenti. Una volta inserita l’acqua nell’apposito vano è sufficiente reinserire il serbatoio nel relativo slot e collegare l’accessorio lavapavimenti che è composto principalmente di un panno in microfibra. Il panno viene inumidito progressivamente dal rilascio di acqua e va a strofinare delicatamente i nostri pavimenti con risultati buoni. Il robot va ad effettuare gli stessi movimenti della fase di aspirazione e grazie alla copertura totale della superficie risulta efficace nella pulizia e nella rimozione delle macchie dai pavimenti. Naturalmente la mancanza di un detergente non ci permette una perfetta igienizzazione, ma devo dire che la funzione lavapavimenti è più che buona e risulta sufficiente per una passata veloce, magari prima di ricevere degli ospiti, e riduce notevolmente il numero di passate mensili del mocio o di una lavapavimenti dedicata.

Trovo la funzione lavapavimenti utile in moltissime occasioni e credo sia ormai una delle funzioni che non possono più mancare nei robot aspirapolvere di fascia media e alta.

Software, mappatura e funzionalità

Ultenic T10 dispone di un sistema laser LDS che effettua un movimento a 360 gradi continuo che va a fare 2160 rilevazioni al secondo. Tramite l’enorme numero di rilevazioni il robot riesce a creare una mappatura davvero molto precisa della nostra casa, evita ostacoli e mobili ed impedisce scontri ed urti.

Una volta creata la mappatura della casa il robot aspirapolvere va a sfruttare un sistema di navigazione smart che permette una strategia di pulizia efficace e che va a coprire il 100% della superficie calpestabile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessun granello di polvere.

Il sistema di Ultenic T10 ci permette di comandarlo tramite telecomando, app e comandi vocali. Il telecomando, come già detto, torna comodo per chi non ha una connessione o se avete più persone in casa che avviano la pulizia. I comandi vocali sono pratici da utilizzare ma non indispensabili, anche se tornano molto utili per avviare una pulizia veloce di una stanza quando si hanno le mani occupate o non si ha la possibilità di usare lo smartphone.

torretta mappatura Ultenic T10

Tramite l’app Ultenic riusciamo ad avere una gestione completa di tutte le funzionalità del prodotto. Dallo schermo dello smartphone riusciamo a gestire, naturalmente, tutte le funzionalità e possiamo personalizzare la mappatura andando a creare delle zone che non devono essere pulite, dove ad esempio di sono cavi o giochi sul pavimento, possiamo limitare l’accesso a determinate stanze e possiamo anche creare delle partizioni da pulire separatamente, quest’ultima è una funzione utile se avete una casa di grandi dimensioni.

Oltre a questo, sempre dall’app, possiamo programmare le pulizie quotidiane, controllare le statistiche, lo stato di usare dei componenti, controllare manualmente i movimenti del dispositivo e gestire il funzionamento vocale dello speaker impostando lingua e volume. Naturalmente non mancano le funzionalità relative allo svuotamento automatico del serbatoio, alla intensità di aspirazione e alla quantità di acqua da utilizzare durante il lavaggio dei pavimenti.

Le funzionalità quindi sono complete e facili da gestire ed utilizzare tramite app, telecomando ed assistenti vocali.

Base di svuotamento, manutenzione e serbatoio

Recensione Ultenic T10 fronte base di svuotamento

Iniziamo l’analisi del capitolo manutenzione dal serbatoio, in questo caso ci troviamo fra le mani un componente ibrido capace sia di raccogliere la polvere che di contenere l’acqua per lavare i pavimenti. La capacità di raccolta della polvere è abbastanza ridotta ed è naturale che sia così visto che si svuota automaticamente scaricando la polvere raccolta nella base di stazionamento. Il serbatoio è comunque molto facile da rimuovere e va lavato, di tanto in tanto, per potersi assicurare un maggiore igiene in fase di pulizia. Personalmente vi consiglio di lavare i filtri ogni due settimane e di asciugarli perfettamente prima di rimontarli.

La spazzola principale, ed il relativo sportellino con striscia di silicone, si rimuovono in maniera facile e veloce e possono essere lavati sotto acqua corrente. La spazzola tende ad accumulare un po’ di peli e capelli che possono però essere rimosso facilmente utilizzando la lametta in confezione o con l’aiuto di una forbice. Personalmente ho sentito la necessità di pulire la spazzola dopo due settimane di utilizzo, questo però dipende da quante persone vivono in casa e se avete animali domestici.

Recensione Ultenic T10 aperta con sacchetto

La stazione di svuotamento è di forma vagamente cilindrica ed ha un peso di circa 4 kg e si caratterizza per lo stesso design sobrio e pulito del robot aspirapolvere. Sul lato frontale troviamo lo slot per il collegamento col robot con una bocchetta che si va a collegare col serbatoio e permette lo svuotamento della sporcizia raccolta. Sul retro troviamo la presa elettrica e un filtro a carboni attivi che pulisce l’aria in uscita. Sulla parte alta è posizionato un display che riporta informazioni sullo stato di funzionamento del prodotto ed uno sportello che da accesso al vano dove va riposto il sacchetto raccogli polvere. Il sacchetto ha una capacità di 4300 ml che dovrebbe bastare per circa 2 mesi di utilizzo, dopo questo tempo va svuotato o sostituito.

La base di scarico funziona in maniera eccellente. Al ritorno alla base del robot aspirapolvere, al termine delle fasi di pulizia, si attiva il motore che va ad aspirare tutta lo sporco raccolto e a depositarlo nel sacchetto interno. Questo gadget è particolarmente utile e l’ho trovato davvero pratico da utilizzare e ben funzionante. La presenza della stazione di svuotamento, che funziona anche come base di ricarica, riduce notevolmente i tempi di manutenzione e ci permette di utilizzare con maggiore spensieratezza il robot aspirapolvere grazie alla consapevolezza del serbatoio sempre pulito.

Batteria e autonomia

tasti di funzionamento fisici Ultenic T10

Il serbatoio di dimensioni ridotte ha permesso al produttore di inserire in Ultenic T10 una enorme batteria da 5200 mAh che è capace di garantire un’autonomia eccellente di 120 minuti con una modalità di aspirazione media e di 280 minuti alla massima potenza.

L’autonomia si traduce nella capacità di pulire fino a 250 metri quadri con una sola ricarica, è quindi più che sufficiente per pulire anche case di grandi dimensioni. Qualora la carica non bastasse, potrebbe succedere se usate sempre la massima potenza di aspirazione, il robot tornerà alla base e una volta completata la ricarica riprenderà la pulizia da dove l’aveva interrotta.

Prezzo

Ultenic T10 viene venduto ad un prezzo ufficiale di 599 euro, ma viene proposto scontato su Amazon a soli 499 euro. A questo prezzo è davvero imbattibile e ci mette fra le mani un prodotto assolutamente completo e venduto ad un prezzo super interessante. A 499 euro è impossibile trovare di meglio, e compresa nel prezzo c’è anche la base di ricarica/svuotamento. Impossibile chiedere di più!

Conclusioni – A chi lo consiglio

Recensione Ultenic T10 con base di svuotamento

Ultenic T10 è molto probabilmente il migliore robot aspirapolvere che ho provato nel corso degli ultimi anni. T10 è un elettrodomestico perfetto in grado di unire efficienza, potenza e qualità della pulizia che garantiscono pavimenti sempre perfettamente puliti ed aspirati. All’ottima capacità di aspirazione si uniscono una modalità lavapavimenti molto utile e ben realizzata, un’app ricca di funzionalità che ci permette di personalizzare al meglio le operazioni di raccolta dello sporco ed un’autonomia eccezionale.

All’ottimo robot aspirapolvere si aggiunge poi la base di svuotamento, compresa nel prezzo, che riduce notevolmente i tempi di manutenzione e ci consente di usare il robot aspirapolvere oltre 60 giorni senza doverci preoccupare di svuotare il serbatoio.

Ultenic T10 è un robot aspirapolvere che consiglio a chi ha un buon budget, non è certo un prodotto economico, e sta cercando un elettrodomestico che riesca a gestire in quasi totale autonomia la pulizia dei pavimenti.

Immagini di Ultenic T10

Giudizio finale
Confezione e accessori
10 / 10
Primo avvio e configurazione
9 / 10
Costruzione e design
9 / 10
Motore e spazzole
9.5 / 10
Utilizzo e pulizia
9 / 10
Funzione lavapavimenti
7.5 / 10
Software, mappatura e funzionalità
8.5 / 10
Base di svuotamento, manutenzione e serbatoio
9 / 10
Batteria e autonomia
10 / 10
Prezzo
9 / 10
La nostra opinione

Ultenic T10 è molto probabilmente il migliore robot aspirapolvere che ho provato nel corso degli ultimi anni. T10 è un elettrodomestico perfetto in grado di unire efficienza, potenza e qualità della pulizia che garantiscono pavimenti sempre perfettamente puliti ed aspirati. All’ottima capacità di aspirazione si uniscono una modalità lavapavimenti molto utile e ben realizzata, un’app ricca di funzionalità che ci permette di personalizzare al meglio le operazioni di raccolta dello sporco ed un’autonomia eccezionale.

All’ottimo robot aspirapolvere si aggiunge poi la base di svuotamento, compresa nel prezzo, che riduce notevolmente i tempi di manutenzione e ci consente di usare il robot aspirapolvere oltre 60 giorni senza doverci preoccupare di svuotare il serbatoio.

Ultenic T10 è un robot aspirapolvere che consiglio a chi ha un buon budget, non è certo un prodotto economico, e sta cercando un elettrodomestico che riesca a gestire in quasi totale autonomia la pulizia dei pavimenti.

9.1 ★★★★★
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
Potrebbero interessarti
ElettrodomesticiRecensioni

Recensione SØMLØS G1S: il robot tagliaerba smart

Consigli per gli acquistiCucinaElettrodomestici

Migliori friggitrici ad aria: Guida all'acquisto

CucinaElettrodomesticiRecensioni

Proscenic T22: recensione della migliore friggitrice ad aria

Aspirapolveri e puliziaElettrodomesticiGuide e How-To

Come fare la manutenzione di Dyson v11: guida pratica